Ricerca per dimensioni

Tutto quello che c'è da sapere sull'aquaplaning

Una delle funzioni principali dello pneumatico è l'evacuazione dell'acqua dal battistrada in caso di circolazione sul bagnato.

Come si verifica l'aquaplaning?

Si definisce aquaplaning l'infiltrazione dell'acqua tra gli pneumatici e la carreggiata. L'acqua si accumula nelle scanalature dello pneumatico formando una sorta di pellicola. Quando la pressione diventa troppo elevata impedendo l'evacuazione dell'acqua, si verifica una perdita di aderenza con la strada. Il controllo del veicolo diventa quindi impossibile.

Quali sono le cause?

Una delle principali cause dell'aquaplaning è l'usura degli pneumatici. Più gli pneumatici sono usurati, cioè meno le scolpiture sono profonde, maggiore è la difficoltà nell'evacuazione del surplus d'acqua. La superfice di contatto tra lo pneumatico e la strada (l'aderenza) si riduce di conseguenza e i rischi d'aquaplaning si moltiplicano, soprattutto in caso di sterzata, frenata o accelerazione.

Elenco delle diverse fasi precedenti un aquaplaning
aquaplaning
Fase 1
Pioggia moderata, velocità stabile: rischi d'aquaplaning limitati. L'acqua viene evacuata in modo efficace e la superficie di contatto tra il battistrada e la strada è ottimale.
Fase 2
Drenaggio debole, velocità elevata, quantità d'acqua sul suolo sempre più ingente. Lo pneumatico evacua l'acqua con difficoltà.
Fase 3
Il battistrada è inondato, una spessa pellicola d'acqua si forma tra la strada e la superficie di contatto dello pneumatico. L'acqua non è più evacuabile. Lo pneumatico perde aderenza e scivola.

Le conseguenze di una ruota sgonfia

Una ruota leggermente sgonfia provoca un aumento del rischio di aquaplaning.

Pressione dello pneumatico Velocità Spiegazione
2.4 bar (35psi) 0 km/h Tutto il battistrada (la parte scura sull'immagine) è aderente alla strada.
2.4 bar (35 psi) 100 km/h La zona di aderenza è ridotta, ma l'acqua è evacuata in modo corretto grazie alle scanalature dello pneumatico.
2 bar (30 psi) 100 km/h La superficie dello pneumatico a contatto con la strada è ridotta. Il rischio di aquaplaning è importante.
1.7 bar (25 psi) 100 km/h L'acqua si infiltra sotto lo pneumatico. Quest'ultimo non tocca quasi più la strada, è l'aquaplaning. Il veicolo è ormai fuori controllo.